Progetti

Vuoi partecipare ai progetti del FabLab di Casa Corsini?

Scrivi a fablab@casacorsini.mo.it!

 

Braccio Robotico-Pittore per Matera 2019

Anno di sviluppo: 2018-2019

Costruiamo al FabLab un braccio robotico per dipingere nelle Case-Grotta a Matera 2019.

In occasione del progetto artistico Inter/Abit/Azione per Matera 2019 – Capitale Europea della Cultura, l’artista Francesco Finotti ha chiesto il supporto del FabLab di Casa Corsini per la progettazione e la costruzione di un robot cingolato che dipinga sulle pareti della Casa-Grotta in cui si svolgerà tra maggio e giugno 2019 la performance “tecnologica-artistica”.

Il progetto è partito a fine aprile 2018 e si sviluppa in incontri gratuiti in occasione degli Open FabLab serali e in percorsi ad hoc. Fase attuale: progettazione meccanica, della parte di automazione; realizzazione della app di comando in remoto. Test per pannello fluorescente.

Documento di presentazione (work in progress)

Team: Francesco Finotti artista proponente, Caterina Bonora Project Manager del FabLab, Doriano Dalpiaz referente comunale del FabLab, Lorenzo Vandelli coordinatore tecnico, maker Fabio Terzi, Alberto Trentadue, Francesco Annovi, Augusto Maffei, Luca Bazzucchi, Francesco Monterosso, Massimo Cristiano, Alessandro Appeddu, Giada Demurtas, Andrea Forlani, Giovanni Bastoni, Sebastian D’Amico.

 

Stampa 3D Geopolimeri con Unimore

Anno di sviluppo: 2018

Professore referente Università di Modena e Reggio Emilia: Marcello Romagnoli

Studente tesista: Fabrice Donfack

Tecnici FabLab referenti: Doriano Dalpiaz e Lorenzo Vandelli

Il progetto è composto da una parte sperimentale sul materiale, legata ai fattori della velocità media di uscita e sulla pressione media di estrusione, ricercando l’individuazione di valori di riferimento per la stampa 3D dei geopolimeri; e dallo sviluppo di meccanica e sensoristica per la costruzione e modifica di una stampante 3D progettata ad hoc.

 

Acquaponica Open Control

Anno di sviluppo: 2016-2017

Un progetto di agricoltura sostenibile e di tecnologia Internet of Things al FabLab di Casa Corsini

Il progetto Acquaponica Open Control (nome provvisorio) ha visto i primi passi nell’estate del 2016. Il maker e imprenditore Simone Venturini ha bussato alle porte di Casa Corsini proponendo un progetto fortemente innovativo che trovava un suo valore aggiunto nella condivisione della conoscenza e delle competenze tecnologiche necessarie al suo sviluppo.

Da questa “chiamata” alla community del FabLab è cresciuto nei mesi un progetto di sistema acquaponico innovativo, che vede l’antico sistema di scambio tra cultura idroponica e acquacoltura arricchito da un motore di sensori collegati ad un sito web, per il monitoraggio in tempo reale dei parametri vitali dei pesci e delle piante.

Il progetto dunque accorpa in sé una parte open source, più “naturalmente” da fablab, che può crescere ed essere migliorata da chiunque voglia in tutto il mondo (i file saranno pubblicati sul portale di progettazione condivisa GitHub, sul profilo del FabLab Casa Corsini); e una parte più declinata all’acquaponica, che è oggetto di studio e di ricerca da parte dei professionisti e delle imprese coinvolte man mano. Obiettivo è l’ottimizzazione del motore di controllo e delle notifiche dei dati, e dell’abbattimento dei costi del modulo, pensato per un utilizzo domestico alla portata di tutti, per l’autoproduzione sostenibile di cibo (verdura, frutta, pesce).

Durante questi mesi di ricerca e sviluppo, sono emerse delle potenzialità di trasformazione in un vero e proprio prodotto: e in questo il FabLab di Casa Corsini, oltre a confermarsi come punto di riferimento per chi cerca una community di sviluppo, una casa per la ricerca tecnologica ad alto impatto sociale e innovativo, prosegue sulla strada di empowerment professionale, di hub di competenze, di grande interesse per le imprese del territorio.

Il FabLab ha coordinato il progetto, fornendo professionalità e spazi, coinvolgendo i maker, operando un team building positivo: ha dato “casa” al progetto, fornendo una vetrina di visibilità e favorendo la crescita progettuale anche in quanto partner istituzionale. Si è venuta a creare in tal modo un’ecologia di sistema sostenibile e fruttuosa.

Terminata una prima fase open source, il progetto si è addentrato in una seconda fase, da settembre 2017, in cui la parte open è affiancata dallo sviluppo proprietario per la realizzazione di un prodotto per il mercato.

Un prototipo di Acquaponica è tutt’ora presente a Casa Corsini.

Team: Luca Bazzucchi, maker; Caterina Bonora, Project Manager del FabLab di Casa Corsini; Doriano Dalpiaz, Comune di Fiorano Modenese; Denis Bulgarelli, FishFan; Davide Gariselli, consulente e maker; Mauro Pula, Irci Spa; Michele Seeber e Fabio Terzi, Delprosens; Alessio Reggiani, Archimede; Alberto Trentadue, AgilIoTy; Simone Venturini, Nutritech srl.

Approfondimento